Rubrica: Missioni spazaiali sui NEO

Missione Stardust
Vai alla versione

Stardust è stata costruita da Lockheed Martin Astronautics sotto contratto NASA/Jet Propulsion Laboratory.

La missione STARDUST è stata lanciata il 6 Febbraio 1999. L'obiettivo principale è la cometa Wild 2 (see dictionary, in english) che dovrebbe essere raggiunta nel Gennaio 2004 (ad una distanza di circa 100 chilometri). Wild2 sarà fotografata, e verranno raccolti alcuni campioni di polvere che saranno riportati sulla Terra nel Gennaio 2006. Stardust catturerà anche, grazie a degli speciali collettori, delle particelle di polvere interstellare. I campioni verranno recapitati sulla Terra grazie ad una capsula a basso costo che staccandosi dall'astronave arriverà sulla superficie terrestre protetta da un nuovo materiale a base di carbonio. La navicella Stardust

Perchè Wild 2 ?

La cometa Wild 2 Wild 2 è una cometa periodica, relativamente giovane, con una storia particolare. Nel 1974 la cometa fu catturata da Giove, cambiando orbita e piombando nella parte interna del Sistema Solare (vedi questo numero di T.S. per sapere di piu' di questi meccanismi) . Oggi, Wild 2 viaggia tra Giove e la Terra, e quindi quando STARDUST la incontrerà, la cometa sarà passata vicino al Sole meno di una decina di volte (per un parallelismo, Halley è passata in prossimità del Sole più di 100 volte). Questo fà di lei un ottimo soggetto di studio, poichè avrà perso solo una piccola parte del ghiaccio e della polvere che la compongono, conservando una composizione molto simile alla materia del disco protoplanetario.

 

Aerogel : un nuovo materiale

L'aerogel Raccogliere materiale da una cometa non è un lavoro semplice, considerando l'alta velocità delle particelle (circa 9 volte la velocità di un proiettile) e le minuscole dimensioni dei granelli.Come catturare queste particelle senza alterarne le proprietà chimiche e fisiche?
Per risolve questo problema, STARDUST userà una nuova sostanza chiamata aerogel, un solido a base siliconica con una struttura microscopica porosa, a forma di spugnetta. Essendo per il 99% vuota, l'aerogel è il materiale con densità più piccola al mondo (1000 volte più leggero del vetro, un altro solido a base siliconica). Inoltre, la capacità isolante dell'aerogel è 39 volte maggiore di quella della fibra di vetro, il miglior materiale isolante oggi sul mercato.

Questo materiale, già usato dal Pathfinderper prottegersi dal clima di Marte, verrà usato da STARDUST per catturare i grani che colpendo l'aerogel, formano dei micro-tunnel all'interno del materiale, fermandosi dolcemente e permettendo di essere ritrovati proprio grazie a queste tracce abbastanza evidenti.

Immagini: JPL. Immagine dell'astronave: Engineered Multimedia Inc.

Links (in ):

Per maggiori informazioni sulla missione STARDUST:
http://stardust.jpl.nasa.gov

Per i risultati scientifici:
http://www.geo.fmi.fi/PLANETS/CIDA-first-results.html

 

Alla prima
pagina